fbpx TECNOEDIL - Tecnologie edili a Verona

Scarseggiano le materie prime. Perchè non valutare una soluzione alternativa?

Scarseggiano le materie prime. Perchè non valutare una soluzione alternativa?

Posted on 12Apr

Scarseggiano le materie prime. Perchè non valutare una soluzione alternativa?

Scritto da Matteo William ToffaliCategories Notizie

Scarseggiano le materie prime.
Perchè non valutare una soluzione alternativa?

“Il caro materiali non è più sostenibile per le imprese. Con un aumento del 130% dell’acciaio, del 40% dei polietileni, del 17% del rame e del 34% del petrolio e, di conseguenza, anche la difficoltà di approvvigionamento, tanti cantieri pubblici e privati rischiano di bloccarsi con gravi ripercussioni economiche e sociali.“

(Fonte ANCE)


Un problema accentuato dall’aumento della richiesta di materiale edile dovuto al Superbonus 110%, che rischia di mettere in secondo piano questa importante opportunità per il settore.

Xella Italia offre due alternative ai sistemi isolanti tradizionali:
Il sistema costruttivo Ytong permette di realizzare pareti monostrato perfettamente isolanti senza la necessità di aggiungere il cappotto, ideale sia per nuove costruzioni che per demo ricostruzioni.
Oltre alle capacità di isolamento e traspirabilità, Ytong garantisce resistenza sismica e al fuoco, contribuendo a costruire edifici sicuri e confortevoli.

La gamma di pannelli termoisolanti Multipor rappresenta un’alternativa pratica ed ecologica, perché realizzata a partire da materie prime naturali e priva di sostanze nocive.
Dall’isolamento esterno ed interno alla correzione dei ponti termici, dall’isolamento di solai e coperture al risanamento delle murature contro muffa e umidità di risalita,
ogni applicazione trova un prodotto adatto all’interno della famiglia Multipor.

Le soluzioni costruttive Ytong e Multipor permettono l’accesso al Superbonus 110% (Sisma Bonus ed Ecobonus) e costituiscono un sistema costruttivo completo, naturale, sostenibile e conforme ai requisiti CAM.


Condividi l'articolo su:

Back to Top